venerdì, Maggio 3

Pulire il vetro del forno velocemente: ecco il trucco della nonna

Il forno, come qualsiasi elettrodomestico, ha necessità di essere regolarmente pulito. La pulizia però è una delle cose più difficoltose se non viene fatta con ripetizione. A lungo andare gli incrostamenti accrescono e divengono sempre più critiche da togliere.

Siccome è un elettrodomestico sempre a contatto con alimenti, necessita evitare l’impiego di prodotti chimici, per non imbattersi in problemi di salute. Il primo elemento da afferrare pulito è il vetro. Gli schizzi di olio e di altri ingredienti scaturiscono cattivi odori, che si ammucchiano dopo l’impiego. Impiegando un limone tagliato e strofinato in forno sulla superficie rinchiude a mo’ di spugna si rimuovono tutti gli odori congiunti alle uova e al pesce.

Pulire il vetro del forno velocemente: ecco il trucco della nonna

Il criterio classico per smacchiare il vetro del forno è raffigurato da una miscela di acqua e bicarbonato di sodio e un panno pulito asciutto, oppure dall’applicazione per circa 15 minuti di aceto di vino bianco.

Nell’immediato, si possono conseguire dei risultati appaganti. Tra i rimedi più conosciuti troviamo sicuramente l’aceto e il bicarbonato, i quali sono dei rimedi utilizzati dalle nostre nonne che però possono abbattere le superfici su cui vengono messi.

La base acida dell’aceto può a lungo andare guastare le superfici, mentre con il bicarbonato di sodio c’è il pericolo di graffiarle. In ambedue i casi, sono in ogni caso delle soluzioni ottime per la pulizia del vetro del forno, ma che posseggono una durata limitata nel tempo. Passate lo strofinaccio un po’ umido sul vetro e infine, risciacqua il tutto con acqua.

Oltre agli smacchianti in commercio, le incrostazioni di grasso più caparbio possono essere tolte con una miscela smacchiante a base di acqua e bicarbonato da mettere sul vetro sul quale bisogna prima aver passato un panno inzuppato di acqua calda per rimuovere i residui di sporco più lievi.