martedì, Maggio 7

Piante da balcone per la primavera: ecco quali scegliere. LISTA

La primavera è oramai entrata nella fase “calda” in tutti i sensi, con le temperature atmosferiche che sono sempre più mediamente elevate, condizione principale per la crescita di numerose piante che proprio in questo periodo si trovano nel punto più alto del proprio ciclo vitale. Ma la primavera è anche costellata da numerose piante da balcone, quali sono quelle migliori da scegliere?

Piante da balcone per la primavera: ecco quali scegliere. LISTA

Non è un caso che la primavera viene considerata fin dall’antichità la stagione della “rinascita” della natura, ed anche i balconi evidenziano questa necessità: alcune sono particolrmente “compaatibili” con il balcone, e oltre a fornire un bel “colpo d’occhio” estetico, sono anche estremamente utili per l’ecosistema formato da insetti indispensabili, ad esempio le api.

Ecco la lista:

  • Primula – Il nome evidenzia la forma “primaria” di fioritura, in quanto anche culturalmente è una delle prime forme di fiori che effettivamente “sboccia” fin dalle prime fasi della stagione. Il nome deriva dal latino primus, si tratta di una pianta resistente e che può resistere anche tutto l’anno, dall’aspetto molto elegante.
  • Begonia – Pianta di origine tropicale, fa parte di un ricco compendio di sotto generi che sono quasi tutti famosi per l’aspetto colorato dei fiori. piccoli, dalla forma delicata e molto graziosi. La begonia non richiede attenzioni particolari ma piace particolarmente a tutti.
  • Geranio – E’ una delle piante da fiore più comuni in tutti i balconi, diffusa in quanto fiorisce teoricamente in quasi tutto l’anno solare, anche se la fioritura inizia da metà marzo e prosegue fino ad estate inoltrata. Tra le varianti più comuni ed apprezzate va citata la zonale, che come quasi tutte le altre conosciute ha anche l’utile capacità di tenere lontane le zanzare.
  • Lavanda – Aspetto e profumo inconfondibili, la lavanda è una pianta semprverde che fiorisce fino a luglio, necessita di cure “precise” ma non impossibili e non è assolutamente invadente.