domenica, Maggio 5

Cerchi case a 1 euro per le vacanze? Ecco dove trovarle

L’iniziativa “Case a 1 euro” sta avendo davvero un successo fuori dal comune, contribuendo con entusiasmo alla rinascita dei borghi italiani, specialmente quelli meridionali. Sono molti i compratori interessati ad investire in immobili che vantano di un’ottima posizione geografica e un’attenzione particolare va riposta sicuramente nei confronti degli stranieri in quanto circa l’80% degli acquirenti proviene dagli Stati Uniti.

Si tratta di un progetto che ha permesso di risollevare le economie dei piccoli borghi, considerando l’obbligatorietà di ristrutturazione dopo l’acquisto, nei termini che vengono stabiliti dai vari Comuni. Questa decisione ha consentito, quindi, il rilancio non solo del settore dell’edilizia, dei servizi, degli esercizi commerciali, ma anche un ovvio avvantaggiato al settore turistico e ricettivo.

Acquistare case a 1 euro si può?

Il pensiero di acquistare delle case a 1 euro con diversi scopi potrebbe essere qualcosa di veramente allettante in quanto comprando più case spendendo pochi euro si potrebbe fare delle residenze, dimore di vacanze al mare, in collina o in montagna, o magari di farne una attività ricettiva.

Comprare casa a 1 euro non è però un processo così lineare e semplice come sembra. I bandi comunali sono di solito scritti in modo da ridurre le speculazioni, cercando quindi di evitare che una persona compri più immobili per poi investirci appieno. Infatti, il progetto Case a 1 euro è nato esclusivamente per la volontà di combattere l’abbandono dei piccoli borghi italiani ripopolando quelle aree abbandonate e riqualificando le vecchie dimore e le strutture fatiscenti.

In altri comuni però, l’abbandono non è il affatto principale problema, ma solo le strutture vecchie nei centri città. In questi casi, i bandi rimangono aperti anche a chi vuole fare degli investimenti: che sia per una casa vacanza o un piccolo albergo ma anche un negozio, questi comuni lasciano spazio a chi vorrebbe investire in quel paese, senza per forza abitarci.

Una volta acquistate queste case prevedono dei costi di ristrutturazione che possono variare da alcune migliaia a decine di migliaia di euro ma nonostante questo, grazie all’erogazione degli incentivi europei è possibile fare dei veri affari importanti, investendo per poche migliaia di euro per riuscire ad ottenere un immobile con un valore cinque o 10 volte quanto speso.