Mer. Set 30th, 2020

Sport Chieti

news sportive da Chieti e provincia

Ripa Teatina, una gran folla per il XII Premio Rocky Marciano

4 min read

Ripa Teatina. Tantissima gente a Ripa Teatina ha assistito all’ultima serata del XII Premio Rocky Marciano, rassegna che si è conclusa con la consegna dei premi ai vincitori dell’edizione 2016.
Tra i premiati Diletta Cipollone, Alessandro Milan, Gianni Rivera, Massimo Oddo, Leonard Bundi e Giulio Ciccone. Per quanto riguarda le squadre, riconoscimenti per la Chieti Calcio Femminile, la Montesilvano Calcio a 5 Femminile e la Pescara Calcio.
Gianni Rivera è stato premiato per il suo libro “Gianni Rivera ieri e oggi, autobiografia di un campione”, sul quale ha detto: “In casa abbiamo trovato il materiale che poi abbiamo messo nel libro, materiale raccolto da mio padre in tutti gli anni che ho giocato e in tutti gli anni precedenti. C’era tanto materiale con articoli di giornali, fotografie e via dicendo, quindi abbiamo sfruttato questa situazione. È il racconto della mia vita che però è stato accompagnato da fotografie ed articoli di giornale ed è diventato oggi importante e all’inizio non si pensava che potesse diventare di questo livello. Siamo molto contenti, soprattutto perché mia moglie ha fatto un grande lavoro grafico ed ha messo insieme tutte queste cose ed è venuto fuori un buon libro. Poi mi dice sempre che è bello, le piace, quindi questo è positivo. Ho scritto le cose così come le sentivo, non ci ho messo nient’altro, assolutamente, non sono uno scrittore, non sono un giornalista, sono una persona che ha voluto raccontare delle cose personali. Ho raccontato la mia vita così come l’ho vissuta, nel modo più semplice possibile, in base anche agli articoli di giornale e alle fotografie da mettere al fianco del mio racconto”.
Su un suo possibile erede: “Dico soltanto che gli esseri umani sono tutti unici, non si può mai somigliare a qualcun altro. Abbiamo tutti due occhi, un naso ed una bocca, ma ognuno ha una storia a se. Ce ne sono stati tanti di bravi giocatori che hanno giocato con me, altri hanno giocato dopo, ma non posso fare l’elenco, rischierei di dimenticare qualcuno”.
Sul calcio contemporaneo: “È cambiato come cambia la vita di tutti i giorni, come tutte le professioni, qualche volta c’è un’evoluzione e qualche altra volta c’è un’involuzione, come tutte le cose che si fanno, però chi vive in quel momento pensa di essere nel giusto e percepisce un sistema di vita adatto a quel momento, così lo fa anche il calcio. Ora il calcio lo seguo abbastanza, non mi faccio condizionare dagli orari delle televisioni io sono ancora legato al giocare tutti alla stessa ora e lo stesso giorno, quindi se capito di essere a casa guardo ciò che vedo, ma non mi faccio condizionare dagli orari televisivi perché la mia vita la svolgo a prescindere”.
Su una sua eventuale carriera da allenatore: “I primi anni non l’ho fatto perché mi facevo più dirigente, ora lo potrei anche fare, non sono più giovane e mi sono accorto che potrei anche fare l’allenatore o il preparatore perché mi piace insegnare calcio soprattutto perché ho visto che un po’ di tecnica si è persa a favore di un eccessivo agonismo fisico. Se ci fosse una maggiore tecnica calcistica ci divertiremmo tutti di più”.
Premiato anche il tecnico del Pescara, Massimo Oddo, dopo la promozione in serie A dei biancazzurri, che ha affermato: “È un Premio importante a livello nazionale, sicuramente è il più importante d’Abruzzo. Pur essendo l’allenatore del Pescara, ovviamente sono orgoglioso di questo riconoscimento che comunque voglio condividere con tutti quanti. Quando si raggiunge un risultato importante in uno sport di gruppo, il merito va diviso. La mia positività fa parte del carattere, della crescita, della maturazione, di qualsiasi aspetto e poi ho avuto la fortuna di non mollare mai nello sport così come nella vita in generale. Abbiamo guadagnato sul campo questa serie A e cerchiamo di difenderla a tutti i costi. Come ho detto in altre circostanze, la salvezza è l’obiettivo minimo che ci possa essere. Nella vita ci vuole sempre equilibrio, qualsiasi cosa si faccia, non puoi sferrare colpi se poi non sai difenderti, bisogna saper fare entrambe le cose”.
“È stata una grande soddisfazione vincere una tappa al giro – ha detto Giulio Ciccone, giovane ciclista teatino vincitore di una tappa del Giro d’Italia sugli Appennini – è un piccolo sogno che si realizza, abbiamo cercato di levarci tante soddisfazioni. Negli ultimi chilometri mi attraversava una strana sensazione davanti. Quello era il momento in cui ti accorgi che sta per succedere un qualcosa di importante. Nella testa sai già a cosa va incontro e spingi al massimo per arrivare a quell’obiettivo. A 21 anni la carriera è agli inizi, speriamo che possa essere una bella carriera ricca di successi. Il Premio Rocky Marciano è un riconoscimento molto importante, mi fa molto piacere perché è un Premio veramente molto ambito per un abruzzese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione | Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies | Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clikka qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi