Mar. Ago 20th, 2019

Sport Chieti

news sportive da Chieti e provincia

Volta a Portugal, Parrinello (GM Europa Ovini) sfiora la vittoria

2 min read

Una tappa vissuta da grandi protagonisti. La Reguengos de Monsaraz – Castelo Branco, seconda frazione della Volta a Portugal, lunga 220 km, ha visto il GM Europa Ovini sotto i riflettori in tutte le fasi principali di corsa. In una giornata caldissima il primo a mettersi in evidenza è stato l’abruzzese Antonio Di Sante: il corridore è riuscito a centrare la fuga iniziale, insieme ad altri 9 attaccanti. L’azione è stata lunghissima, in quanto è stata ripresa solo a 5 km dal traguardo, di conseguenza Di Sante ha portato a casa ben 215 km di fuga, con numerosi piazzamenti sia ai traguardi volanti che ai vari gran premi della montagna.

Nel finale la formazione neroverde Professional ha lavorato compatta per Antonino Parrinello, il quale è stato autore di una bella performance anche nella prima tappa, dove si è visto sempre in testa con i migliori. Nell’arrivo allo sprint Parrinello non ha sbagliato nulla, e si è dovuto inchinare a Samuel Caldeira (FC Porto) solo al fotofinish, in quanto, dalle immagini televisive, non si riusciva a capire chi avesse vinto. Solo 10 millesimi di secondo hanno diviso il siciliano da una vittoria che sarebbe stata bellissima oltre che meritata.

Nei primi 10 al traguardo, per il GM Europa Ovini, troviamo anche il giovane Matteo Rotondi, che ha chiuso in nona posizione. Il team ottiene anche il secondo posto nella classifica a squadre.

“La squadra è stata a dir poco eccezionale – afferma Antonino Parrinello – e voglio fare i complimenti a Davide Pacchiardo, che nel finale ha svolto un grande lavoro, in quanto ci ha pilotati da solo in testa fino all’ultimo chilometro. Voglio anche fare i complimenti a Matteo Rotondi, perché senza nemmeno parlarci mi ha protetto la ruota e si è giocato le sue chance in volata. Sono più dispiaciuto per loro due, che hanno lavorato alla perfezione, piuttosto che per me, perché si sarebbero meritati una bellissima vittoria come ricompensa. Perdere così fa male: non ho perso nettamente, ma sono mancati solo 10 millesimi di secondo. Troveremo la forza per riprovarci perché abbiamo dimostrato che possiamo competere con tutte le migliori squadre presenti a questa gara”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione | Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies | Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clikka qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi