Mar. Ago 20th, 2019

Sport Chieti

news sportive da Chieti e provincia

La Virtus Lanciano si prepara al derby con il Pescara

6 min read

roberto d'aversa

Lanciano. La Virtus Lanciano si prepara per il derby del prossimo 25 aprile con il Pescara in un Biondi esaurito in ogni ordine di posto. Tra i frentano mancheranno sicuramente Turchi e Gatto. Nella settimana che precede l’attesissimo incontro, hanno parlato il tecnico D’Aversa, Di Cecco e capitan Mammarella.
Così Roberto D’Aversa a pochi giorni dal derby: “È una settimana particolare perché è un derby, non è una partita come le altre, soprattutto perché è importante il risultato per quanto riguarda la classifica, per me può valere una stagione. Sicuramente è una partita che va affrontata con il massimo impegno affinché possiamo farla nostra. Si parla spesso di finali, per me questa è una finale di Champions, poi alle altre partite ci si guarderà sicuramente, però in questa partita dobbiamo dare il massimo per vincerla”.
D’Aversa è tornato sulla partita di Crotone dicendo: “Quello che stanno facendo i ragazzi quest’anno è straordinario, abbiamo fatto una partita da grande squadra ed abbiamo pareggiato contro una compagine che aveva vinto le ultime quattro partite, eravamo in vantaggio fino a 5’ dalla fine, siamo rimasti in dieci ed abbiamo subìto gol su una palla inattiva, ma questo non può cancellare un’ottima prestazione ed i complimenti di un allenatore come Drago che per me è uno degli allenatori migliori della serie B, la stampa nazionale ha riempito di complimenti questa squadra. Il campionato della Virtus Lanciano di quest’anno è da 10, sabato abbiamo la possibilità di meritare la lode. La Pro Vercelli che ha le nostre stesse vittorie si trova dietro a noi perché gli mancano i nostri pareggi. Andare a pareggiare a Crotone non è semplice e se la Virtus Lanciano lo ha fatto è soltanto per il lavoro quotidiano che questi ragazzi hanno fatto dal 14 luglio”.
Poi il tecnico rossonero è tornato sulla sfida con il Pescara: “Il Pescara ha sempre fatto meglio fuori che in casa perché fare la partita tra le mura amiche non è facile per nessuno, loro i risultati migliori li hanno fatti fuori perché probabilmente sfruttano la compattezza di squadra, difficilmente si sbilanciano, le caratteristiche di giocatori come Melchiorrri e Bjarnason che sono giocatori di categoria superiore, poi le ripartenze di Politano. Quindi sta a noi cercare di vincere la partita a tutti i costi ma senza sbilanciarci e lasciare delle ripartenze perché ci possono far male sia per la qualità che per le caratteristiche di alcuni giocatori. Dobbiamo pensare che di fronte abbiamo una squadra forte che ha un collettivo che è uno dei migliori della categoria e dobbiamo dare il 200% per fare in modo che questa differenza tecnica tra le due squadre non risulti in campo, ma dipende da noi, il bello del calcio è questo, che non sempre il collettivo migliore vince, tante volte la differenza la fa la determinazione e la voglia di ottenere il risultato a tutti i costi. Noi puntiamo su quello che ci ha contraddistinto tutta la stagione: la fluidità di gioco, la compattezza di squadra, caratteristiche che ci hanno portato a fare un campionato al di sopra di ogni aspettativa. Questa partita a livello motivazionale non c’è bisogno di prepararla, anzi si rischierebbe l’effetto contrario, bisogna solo far si che i ragazzi arrivino a sabato i più sereni possibile. Sabato abbiamo la possibilità di fare un salto di qualità in classifica”.
Baroni tornerà al Biondi da ex, lo scorso anno D’Aversa era il suo vice: ”Baroni? Io con lui ho un ottimo rapporto e penso di essermi comportato come dovevo nei suoi confronti, con lui non ho mai avuto nessun tipo di problema, nella vita ognuno è libero di fare le proprie scelte, io non devo fare altro che ringraziarlo perché mi ha dato la possibilità di allenare una squadra. È chiaro che difficilmente si può accettare il fatto che si vada via da Lanciano per andare ad allenare a Pescara, ma sono dinamiche che nel calcio possono esserci, lui ha fatto la sua scelta e va accettata”.
Poi il coach rossonero è tornato sulla gara di Crotone: “Il rammarico di Crotone è che vincendo avremmo raggiunto l’obiettivo che ci siamo prefissati dall’inizio del campionato, ma appartiene già al passato. Abbiamo vissuto i pareggi come delle sconfitte perché meritavamo di vincere sul campo, ci sono stati errori da parte nostra, il destino ha fatto in modo che vincendo sabato con il Pescara possiamo accantonare il discorso salvezza e che si possa fare qualcosa di importante, ma dipende da noi. L’apporto del pubblico è importante, verranno numerosi anche da Pescara, mi auguro che sia una partita dove la lotta si veda soltanto in campo e che non succeda niente perché siamo due squadre di una stessa regione e sarebbe brutto che si parlasse di questa partita per episodi extracalcistici, mi auguro che si parli della partita solo a livello sportivo. È un appello che mi sento di fare sia perché sono di Pescara sia perché sono cinque anni che sono legato a questa società e penso di aver dato tutto a livello di professionalità”.
domenico di ceccoCosì il centrocampista Domenico Di Cecco: “È una partita che tutti aspettiamo, rinuncerei a qualcosa pur di vincere questa partita, però sappiamo pure che dobbiamo anche affrontarla nel modo giusto perché l’anno scorso l’abbiamo affrontata in maniera nervosa qui in casa ed abbiamo fatto un po’ di pasticci. Vincere questa partita è la cosa che vogliamo tutti e sarebbe una gioia per questa città. Vincere questo derby sarebbe la ciliegina sulla torta, poi non potremmo sederci perché avremmo altri obiettivi in caso di vittoria, però adesso dobbiamo pensare a questa partita perché è per tutti speciale, ci potrebbe far diventare la prima squadra d’Abruzzo e sarebbe una bella cosa. Vincendo questa partita potremmo fare un campionato diverso anche se stiamo già facendo un gran campionato. A Crotone abbiamo fatto una grande partita dimostrando che ci stiamo con la testa e questo è da apprezzare. Un po’ tutti si aspettano questa vittoria che maritavamo già all’andata e che poi ci è sfuggita all’ultimo secondo, dobbiamo essere bravi a prepararci bene. Non è una vittoria che ci serve a tutti i costi perché non siamo spacciati, ma sappiamo che con la vittoria ci si potrebbero aprire nuovi scenari. Partite come quella di Crotone sono un po’ la fotografia della nostra annata perché abbiamo dominato tante partite senza prendere i tre punti ma non solo, l’andata con il Pescara è una di quelle. Sabato se vinciamo li scavalchiamo e ci tuffiamo in un obiettivo che non era quello iniziale. Noi abbiamo caratteristiche diverse dagli altri, forse abbiamo qualcosa in meno a livello tecnico ma abbiamo qualcosa di più dentro lo spogliatoio che non tutte le squadre hanno, quello spirito ci porta a dare qualcosa in più in una partita che dobbiamo essere bravi a gestirla e dobbiamo essere freddi”.
carlo mammarellaIl capitano Carlo Mammarella ha invece detto che “il risultato finale è sempre quello che dà sempre più all’occhio ai tifosi e a chiunque veda una partita di calcio. Poi in un certo punto della stagione con la classifica che ci ritroviamo, la vittoria significherebbe tanto sotto molti punti di vista a prescindere dal derby. La partita di sabato arriva un po’ al momento giusto perché la vittoria ci potrebbe portare verso un qualcosa di bello, di stupendo, da vivere con la massima passione l’ultima parte del campionato, poi non o dove possiamo arrivare. Al di la di tutti i pareggi, tutto quello che abbiamo fatto fino a questo momento può essere visto come un qualcosa di positivo. In ogni partita e in ogni campionato cerchiamo di prendere sempre qualcosa di positivo. Sono contento, sotto il punto di vista fisico è una squadra che ha molto da spendere e da dare al derby. Il derby poi è una partita a se, gli episodi molto probabilmente decideranno la partita, però se vogliamo parlare della forma fisica la squadra c‘è ed è presente. Avvolte quando si parla di derby ci si domenica di chi si ah di fronte, una squadra importante, costruita per vincere questo campionato perché ha giocatori che avevano proposte importanti da squadre di serie A e la società ha fatto di tutto per farli rimanere a Pescara. il Pescara ha un organico importante, ha alternato periodi buoni a periodi meno buoni, ma vedendo le ultime partite è difficile dire come giocherà dato che Baroni ha cambiato più volte giocatori e modulo. Sicuramente il Pescara troverà un Lanciano pronto a questa partita. Sarà una partita dove bisogna sfruttare anche ad esempio il fallo laterale, la rimessa dal fondo del portiere, curare ogni singolo particolare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione | Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies | Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clikka qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi