lunedì, Aprile 8

Allerta Canone Rai: se hai questa età non devi mai pagare

Diciamo la verità, non amiamo affatto pagare nessun tipo di tassa, ma tra quelle più odiate fra tutte si annovera senza ombra di dubbio il Canone Rai. Si tratta di una tassa di tipo annuale per all’abbonamento alla televisione che viene addebitata nella bolletta dell’energia elettrica a tutti coloro che possiedono apparecchi televisivi

Ma sono tutti obbligati a pagare questa tassa? No, ci sono anzi alcuni casi di esenzione. Le persone anziane che hanno raggiunto una certa età non sono più tenute al pagamento di questo Canone. Ma a che età si fa riferimento? Ci sono altri requisiti? 

Il Canone rai, detto anche semplicemente Canone Tv, deve essere pagato da tutti quelli che possiedono un apparecchio televisivo ,e non si tratta solo di televisione, ma di qualunque apparecchio che sia in grado di ricevere, decodificare e visualizzare un segnale digitale terrestre o satellitare.

Il Canone Tv si paga ogni anno e viene addebitato direttamente nella bolletta della luce; l’importo è pari a 90 euro per tutto l’intero nucleo familiare ed è suddiviso in dieci rate, che vanno da gennaio ad ottobre, pari a 9 euro al mese o 18 euro se le bollette sono di tipo bimestrali. La cosa importante da sapere è che questo pagamento è slegato dall’effettivo utilizzo o meno dei vari apparecchi, ma è infatti legato al solo possesso di essi.

Ma a che età non si deve più pagare?

 

Il Canone Rai non è dovuto a tutte le persone anziane che hanno compiuto una certa età anagrafica, quando sono in possesso anche di altri requisiti. Infatti, tutti coloro che hanno compiuto il settantacinquesimo anno di età e sono in possesso di reddito proprio e del coniuge che non supera gli 8000 euro, sono esonerati da tale pagamento. Ma attenzione, perché tale esenzione spetta soltanto se l’anziano e il coniuge non convivono con altre persone che sono titolari di reddito proprio ad esclusione però di collaboratori domestici, colf o badanti.